Organismi marini

Segnalazioni valide/totali: 15/1022

Descrizione

A partire dall’apertura del Canale di Suez nel 1869, vi è stato un afflusso di specie del Mar Rosso e dei mari Indiano e Pacifico verso il Mar Mediterraneo, un fenomeno noto come migrazione Lessepsiana. Recentemente sono state elencate 59 specie ittiche Lessepsiane. Nove di queste specie hanno raggiunto il Mare Adriatico. La presenza non più occasionale di queste specie nel rappresenta un indicatore di cambiamento delle caratteristiche ambientali e della biodiversità. Tra queste specie vi sono:

- Fistularia commersonii, considerata una specie di minore importanza per la pesca commerciale, presenta un rapido tasso di espansione e altissima abbondanza raggiunta negli ultimi 6 anni in acque del Mediterraneo, il che implica che tale colonizzazione in Adriatico potrebbe avvenire nel prossimo futuro, con il potenziale di effetti significativi sulle comunità ittiche locali.

- Callinectes Sapidus, specie ad ampia valenza ecologica, eurialina ed euriterma, sopportando ampie variazioni di salinità e temperatura, efficiente predatrice di molluschi e crostacei, non disdegnando tuttavia anche animali morti e talune macrofite. La prima segnalazione di C. sapidus nell’area salentina risale all’estate del 2001, ma negli anni successivi si è potuto constatare un aumento della popolazione presente e la sua acclimatazione. Anche questa specie determina effetti significativi sulle comunità ittiche locali.

- Thalia democratica, diffusa in tutti i mari delle fasce temperate e tropicali . Forma colonie di centinaia di individui affiancati per una lunghezza di molti metri ed è considerato un indicatore dei cambiamenti climatici e sintomo diretto della assenza di alcune specie nobili (es. dentici).

- Caulerpa racemosa, specie alloctona attualmente diffusa nel Mediterraneo, caratterizzata da una dinamica stagionale molto marcata (presente soprattutto in estate e autunno). Ha un forte potere competitivo, dovuto alla capacità di occupare rapidamente lo spazio, e alla produzione di metaboliti secondari. E’ il principale competitore della Posidonia, della quale è nota l’elevata valenza ecologica nel mar mediterraneo.

La presenza e lo sviluppo di queste specie determina fenomeni competitivi a discapito della biodiversità locale, ma la loro diffusione è ancora poco nota, anche in conseguenza alla loro rapida espenasione.

 

 

Lista specie

Granchio blu / Granchio reale (Blue crab)
Callinectes sapidus (Rathbun, 1896)

 
Pesce flauto (Blue - spotted cornetfish / Smooth flutemouth)
Fistularia commersonii (Rüppell, 1838)

 
Noce di mare (Sea walnut / American comb jelly)
Mnemiopsis leidyi (Agassiz, 1865)

 
Medusa a pois (White spotted jellyfish)
Phyllorhiza punctata (Von Lendenfeld, 1884)

 
Pesce coniglio (Dusky spinefoot)
Siganus luridus (Rüppell, 1828)

 
Carango indopacifico (Shrimp scad)
Alepes djedaba (Forsskål, 1775)

 
Pesce palla argenteo / Pesce palla maculato (Silver - cheeked toadfish)
Lagocephalus sceleratus (Gmelin, 1789)

 
Pesce gatto striato / Pesce gatto dei coralli (Striped eel catfish)
Plotosus lineatus (Thunberg, 1787)

 
Medusa nomade (Nomad jellyfish)
Rhopilema nomadica (Galil, 1990)

 
Pesce lucertola (Brushtooth lizardfish)
Saurida undosquamis (Richardson, 1848)

 
Pesce palla liscio (Smooth pufferfish / Blunthead puffer)
Sphoeroides pachygaster (Müller e Troschel, 1848)

 
Triglia striata (Por’s goatfish)
Upeneus pori (Ben-Tuvia e Golani, 1989)

 

Specie sconosciuta

 
Mappa segnalazioni
Avatar image
Avatar image
Avatar image
LIFE13 ENV/IT/842

Progetto CSMON-LIFE, Cofinanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Programma LIFE+.